TOMBA DI HARWA
Diario 2000
Ottobre
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
Novembre
Dicembre
Pagina iniziale

 

     
francesco.tiradritti@harwa.it
     
26 ottobre 2000
      001026, Freda e Marcella.jpg  
     
 
 
La rampa di accesso sembrerebbe cominciare nella corte della contigua tomba di Kheruef. Vedremo in seguito. C'Ŕ un accumulo di almeno sei metri di detriti ancora da togliere.
La verifica dei materiali non Ŕ ancora terminata. Per ora, oltre a una montagna di cocci, sono venuti fuori i frammenti di alcune palle in fayence azzurra dipinte in nero. Nei musei sono classificate come giocattoli, ma sembrerebbero piuttosto essere elementi di un rituale che veniva compiuto davanti alla tomba (a questo proposito consiglio la mostra sulla magia a Parigi).
Oggi abbiamo anche cominciato a costruire le impalcature che serviranno agli operai per completare la pulizia della parete della seconda sala ipostila al di sopra del pozzo funerario principale, ancora coperta di guano.
Sono anche iniziate le visite. Ieri sono passate due laureate dell'UniversitÓ di Roma. Oggi Ŕ stata la volta di Elke Maehlitz, uno dei membri della missione tedesca che sta scavando a Dra Abu el-Naga, e di Alfredo Freda, console onorario italiano a Luxor. Era in compagnia di Marcella, l proprietaria di un agenzia di viaggi che opera a Luxor (v. foto allegata). Freda Ŕ rimasto impressionato dal lavoro che abbiamo fatto in questi anni (era passato alla fine della campagna di scavo 1997).
Domani Ŕ festa. I lavori di scavo veri e propri avranno invece inizio sabato prossimo. Lavorer˛ con due squadre di operai fuori e dentro la tomba, nell'attesa che arrivino gli archeologhi.
 
Per oggi Ŕ tutto. Attendo i vostri commenti. A presto (spero)
 
Francesco Tiradritti

 

 
   

Giorno successivo >