TOMBA DI HARWA
Diario 2000
Ottobre
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
Novembre
Dicembre
Pagina iniziale

 

     
francesco.tiradritti@harwa.it
     
28 ottobre 2000
      001028, Scavi.jpg  
     
 
Non credevo che l'idea del bolletino potesse suscitare tale e tanto interesse. Ho ricevuto un mucchio di risposte e anche alcuni suggerimenti. Accolgo subito quello di Gianluca Rossi, architetto veterano delle missioni francesi al Ramesseo, e allego una fotografia degli scavi davanti all'entrata della tomba.
Oggi è stato il primo giorno di vero e proprio scavo. Mustafa è venuto in albergo a un quarto alle sette e da lì siamo partiti con il microbus di Ahmed. Giornata limpidissima e piacevolmente fresca. Davanti alla tomba mi aspettavano tanti volti noti: Mohammed e Sayed con cui ho iniziato gli scavi nella tomba di Harwa nel 1995; Abd el-Megid che conosco dal 1988, quando sono giunto per la prima a volta a Tebe Ovest con Donadoni; Aly Hassan Sabra, soprannominato Doctor Aly perché è l'unico operaio con gli occhiali; Qenauy che fa il culturista e che in realtà si chiama Mustafa; Abu el-Of, il bersaglio preferito dal bastone del rais (soltanto per gioco); Mursi Abbas Selim, che con i suoi 83 anni è ormai un'istituzione (non lavora, ma viene preso ogni anno perché mi dicono che deve mantenere una moglie giovane e dispendiosa. Chissà se è vero...). Tra gli operai che lavorano già da anni alla tomba di Harwa e quelli che ci stati raccomandati, la squadra ha raggiunto il numero di ventiquattro. Con Mohammed Shams ed-Din e Ahmad Abd el-Rasek, i due ragazzi a cui Ilaria Perticucci (arriva a fine novembre) ha insegnato il metodo per rimuovere il guano dalle pareti della tomba, sono andato all'interno della tomba per costruire l'impalcatura in tubi Dalmine che consentirà loro di completare l'opera di pulizia sopra il pozzo funerario nella seconda sala ipostila. Gli altri ventuno operai (Mursi non conta) hanno invece continuato a rimuovere i detriti davanti all'entrata. Al termine della giornata avevano fatto un lavoro incredibile. Nessun ritrovamento degno di nota, visto che stiamo scavando terra di riporto dagli scavi di altre tombe. Nel precedente messaggio dicevo che c'erano sei metri di accumulo. Oggi mi sono invece reso conto che saranno una decina. Talvolta pecco in ottimismo.

>

 
  < Giorno precedente

Giorno successivo >