TOMBA DI HARWA
Diario 2000
Ottobre
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
Novembre
Dicembre
Pagina iniziale

 

     
francesco.tiradritti@harwa.it
     
28 ottobre 2000
      001028, Mustafa.jpg  
     
 
 
All'interno l'impalcatura è quasi finita. Costruire impalcature con i Dalmine è un po' giocare a Meccano in grandi dimensioni; anche se qui bisogna stare attenti a non precipitare nel buio del pozzo funerario che si apre al di sotto dei tubi innocenti. Mohammed Shams ed-Din e Ahmad hanno già comprato il legname che domani servirà per terminare l'impalcatura che, prima di essere utilizzata, checché ne dicano i due, ha ancora bisogno di qualche rinforzo.
Oggi è anche passata in visita Désirée, una giovane egittologa tedesca alla ricerca dei conventi copti della riva ovest. Mi ha chiesto se sapevo dov'era quello di Epifanio. Gliel'ho indicato (dalla tomba di Harwa si vede benissimo). E' rimasta molto delusa, visto che ne rimangono soltanto pezzi di mura sbocconcellati.
Per la Signora Modenesi, che è un'ammiratrice di Mohammed Soghair, allego anche la foto di Mustafa, suo figlio e nostro ispettore. Sta lavorando a una tesi sulla festa-Sed (il Giubileo reale) e, nel frattempo, dà qualche lezione di egittologia all'Istituto per il restauro di Luxor. Inizio così una carrellata di ritratti di tutti coloro che, in un modo o in un altro, fanno la storia di questa stagione di scavo.
A presto
 
 
Francesco Tiradritti
 
PS Dimenticavo. Per chi volesse informazioni più generali sulla tomba di Harwa, e non fosse a conoscenza della sua esistenza, metto l'indirizzo del sito internet dedicato ai nostri scavi http://harwa.org. E' in inglese. Non siamo ancora riusciti a mettere in  linea la versione italiana
 
  < Giorno precedente

Giorno successivo >