TOMBA DI HARWA
Diario 2000
Ottobre
Novembre
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3
Dicembre
Pagina iniziale

 

     
francesco.tiradritti@harwa.it
     
6 novembre 2000
      001106, Scavo a E dell'entrata visto da SE.jpg  
     
 
 
Scale che scendono e portano da nessuna parte; pozzi stretti che sbucano in piccole sale attraverso le quali si passa in corridoi che conducono a altre tombe; altre gallerie, pozzi, scale e sale. Il caldo è atroce e si suda da pazzi. Usciamo chiedendoci se nella roccia dell’Assassif rimane ancora qualche metro quadrato in cui possa svilupparsi l’eventuale tomba la cui facciata sembra apparire sotto i detriti. Forse si tratta di uno scavo appena cominciato e subito abbandonato.
Nel pomeriggio ci incontriamo con Mustafa al tempio di Luxor. Grazie a lui Alessandra riesce a prendere contatto con una delle ispettrici per intervistarla domani sul lavoro femminile all’interno del Consiglio Supremo delle Antichità egiziano. Tutti insieme andiamo poi al suq a parlare con Adel, il sarto  amico di Anne a cui abbiamo deciso di affidare la realizzazione della tenda da piazzare sulla struttura di tubi innocenti. Mustafa con un suo amico ci invitano a mangiare il koshery (una sorta di pastina mista a verdure fritte e sugo di pomodoro) da Saida Zeina, un vero “must” della guida Gambero Rosso di Luxor.
Dopo cena Anne e Alessandra tornano a casa. Io rimango con Mustafa e il suo amico a bere un caffè all’Hotel Mercure nell’attesa di andare all’aeroporto a prendere Carla Pepe e gli studenti dell’Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa di Napoli che formeranno quest’anno la squadra di archeologi. La “Harwa 2001” ha infatti siglato una convenzione con questa istituzione perché la tomba divenga un luogo in cui i giovani studenti possano compiere pratica. Quest’anno, insieme a Carla Pepe, professoressa di preistoria di civiltà extra-europee, ci sono gli studenti Giuliana De Lorenzo, Mariolina Spezzafero e Daniel D’Hinault. A loro spetterà il compito di farsi le ossa scavando e rilevando all’interno e all’esterno della tomba. Arrivano quasi in orario visibilmente emozionati, ma distrutti dal viaggio.
 
  < Giorno precedente

Giorno successivo >