TOMBA DI HARWA
Diario 2000
Ottobre
Novembre
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3
Dicembre
Pagina iniziale

 

     
francesco.tiradritti@harwa.it
 
8 novembre 2000
     
 
Mercoledì 8 ottobre

Con Carla e gli altri sono arrivate anche le polo e le magliette che abbiamo fatto stampare appositamente per la missione. Abbiamo davanti il logo dell’Associazione “Harwa 2001”; sulla manica destra c’è invece quello di Alcatel, sulla sinistra quello della Compagnia di San Paolo, gli sponsor attraverso il cui contributo (insieme a quello del Ministero degli Affari Esteri) è stato possibile effettuare le campagne di scavo 1999 e 2000. Le polo sono bianche e ci danno un tono elegante e di squadra. Dopo poco più di un’ora di scavo quella di Anne è già gialla della polvere accumulatasi sulle scatole di cartone contenenti la ceramica.
Con gli altri e Mustafa inizio a rilevare l’entrata della tomba e lo scavo che gli sta davanti. Mettere in pianta i primi punti ci prende quasi tutta la giornata.
Nello scavo i detriti sono intanto cambiati di consistenza. Ora gli operai stanno asportando uno strato costituito quasi del tutto da frammenti di calcare di grosse dimensioni. Pochissima la ceramica e la mia idea che i detriti provengano dallo scavo della tomba di Harwa si rafforza. In fine giornata (come al solito) viene alla luce un blocco di calcare con segni di lavorazione antichi. La mia convinzione si rafforza sempre più.
Anne è intanto passata a esaminare la ceramica ritrovata nel corso degli scavi all’interno del primo livello sotterraneo della tomba. Pomeriggio tranquillo. Io e Anne rimaniamo in albergo. Gli altri vanno a Luxor.









 
 
  < Giorno precedente

Giorno successivo >