L'associazione Culturale "Harwa 2001" ONLUS presenta:

La tomba di Harwa

 
 

PAGINA INIZIALE
INDIETRO

Chi Era Harwa

 
 

Le statue di Harwa:

Assuan, JE 37386

British Museum, EA 32555

British Museum, EA 55306

Cairo, CG 48606

Cairo, JE 36930

Cairo, JE 37377

Leipzig, 8163

Luovre A 84 = N 85

Harwa è personaggio enigmatico nella storia dell’Egitto antico. Visse tra la fine dell’VIII e l’inizio dell’VII secolo, quando la Valle del Nilo era in mano ai faraoni nubiani della XXV dinastia. Detenne la carica di Grande Maggiordomo della Divina Adoratrice, una posizione che gli permetteva di gestire le ingenti risorse dello stato, retto ormai da tre secoli dai sacerdoti del dio Amon di Karnak e che abbracciava tutto l’Egitto meridionale. L’importanza di Harwa è innanzitutto dimostrata dalle otto statue che lo ritraggono in vari atteggiamenti, conservate nelle maggiori collezioni egizie del mondo (Cairo, Assuan, Parigi, Londra e Leipzig).
Gli scavi compiuti nella tomba di Harwa a partire dal 1995 hanno fornito utili indicazioni per migliorare la conoscenza del personaggio e del periodo storico in cui è vissuto. Harwa comincia ora ad apparire non soltanto come un funzionario dagli enormi poteri, ma come il vero governatore, per conto dei faraoni della XXV dinastia, di  tutto l’Egitto meridionale. A favore di questa interpretazione parla chiaramente l’ushabty (statuina funeraria) in pietra calcarea, scoperta nel 1997 all’interno delle tomba, che ritrae Harwa con il flagello e lo scettro, le insegne della regalità egizia.