L'Associazione Culturale "Harwa 2001" ONLUS presenta
 La Tomba di Harwa

Rapporto della campagna 2001


INTRODUZIONE

Nel corso del 2001 si sono tenute due campagne di scavo presso il complesso funerario di Harwa e Akhimenru. Quella primaverile è durata dal 10 al 26 aprile 2001; quella autunnale dal 14 ottobre al 13 dicembre 2001.

Scopo della campagna primaverile era il completamento delle opere di contenimento al di sopra dell’entrata monumentale della tomba, lo scavo del settore centrale del cortile e il proseguimento del lavoro epigrafico nella Prima Sala Ipostila. Nel primo mese della campagna autunnale è stato ripreso lo scavo del cortile. Con l’inizio del mese di Ramadan le ricerche si sono spostate all’interno della tomba, dove il pozzo funerario principale e quella che si suppone essere stata la camera di sepoltura di Harwa sono state liberati dalla maggior parte dei detriti che li ingombravano. Le stanze sussidiarie della prima sala ipostila sono state provviste di scaffalature in metallo, in cui sono stati immagazzinati i blocchi decorati recuperati nel corso delle precedenti campagne. Nella prima sala, la fila di pilastri meridionale è stata quasi completamente ricostruita in compensato in modo da facilitare l’identificazione dei blocchi decorati provenienti da qui e, di conseguenza, il successivo ripristino dei pilastri.

In aprile la missione era composta da Francesco Tiradritti (Direttore ed egittologo), Silvia Einaudi (Egittologa), Beatrice Galgano (Egittologa); Michela Luiselli (Egittologa); Valérie Angenot (Egittologa); Alice Heyne (Egittologa); Marta Rapi (Archeologa) e Franco Lovera (Fotografo). Alla campagna autunnale hanno invece preso parte Francesco Tiradritti (Egittologo e direttore), Alice Heyne (Egittologa) Mariam Ayad (Egittologa), Dieter Eigner (Architetto), Anna Leone (Archeologa), David Colin Thomas (Archeologo), Anne Seiler (Ceramologa), Alessandro D’Alessandro (Fotografo), Gianni Trabalzini (Ingegnere) e Giacomo Tiradritti (Economo e direttore della logistica). Anna Maria Chesani e Solange Zanni, socie dell’Associazione Culturale “Harwa 2001”, hanno trascorso un breve periodo di permanenza sullo scavo in qualità di epigrafiste.

La versione sottotitolata in arabo del documentario “Il cammino di Harwa”, prodotto in occasione dell’omonima mostra tenutasi a Brescia nel 1999, è stato proiettato presso l’Istituto Superiore di Restauro di Luxor. Quest’evento prosegue una collaborazione tra la nostra missione e l’istituto, intesa a sensibilizzare, attraverso l’esperienza diretta dei nostri scavi, gli studenti della scuola sulle tecniche di restauro utilizzate nella tomba di Harwa.


Vai all'inizio della pagina