L'associazione Culturale "Harwa 2001" ONLUS presenta:

La Tomba di Harwa
2006

 
 

PAGINA INIZIALE
INDICE DEI RAPPORTI

Attività epigrafiche: il cortile

 
 

Pianta degli scavi 2006

 
Particolare della scena della raccolta del siero dall’albero


a cura di Silvia Einaudi, Federica Raverta e Chris Naunton

Lo scavo del cortile della Tomba di Harwa deve ancora essere portato a termine. Nondimeno, la porzione superiore delle pareti del cortile risulta già visibile. A eccezione del lato occidentale, dove si aprono gli accessi alla parte sotterranea delle tombe di Harwa e Akhimenru, soltanto la decorazione dei portici (settentrionale e meridionale) risulta avere raggiunto uno stato avanzato di realizzazione.
Le pareti alle estremità orientali e i semipilastri corrispondenti dei due portici sono iscritti con capitoli tratti dal Libro dei Morti. Lo stesso può essere detto per il semipilastro occidentale di quello meridionale.
I pilastri del portico settentrionale sono privi di decorazione. Gli scavi del 2001 e del 2003 hanno invece riportato alla luce tre registri decorati nella porzione inferiore della parete di fondo. Quello superiore reca una sfilata di portatori di offerte. Nel secondo la decorazione è rimasta per la maggior parte a livello di disegno preparatorio. Nella parte occidentale, che risulta invece essere finita, sono stati scoperti alcuni rilievi con scene riferibili alla danza-tjeref. In corrispondenza dell’angolo nord-est gli scavi hanno raggiunto una maggiore profondità che altrove consentendo di appurare l’esistenza di un terzo registro; anche qui le figure risultano essere rimaste soltanto alla fase di disegno preparatorio. Lo stato di incompletezza prova che la decorazione di questa parte del cortile era ancora in corso di esecuzione quando fu decisa l’interruzione dei lavori. Mentre alcuni artisti erano impegnati nella decorazione dei registri, altri stavano lavorando a un testo con grandi geroglifici nella porzione superiore della parete di fondo: le prime colonne di questo sono ancora visibili nella porzione occidentale.
Soltanto tre lati dei pilastri del portico meridionale sono decorati. Il lato rivolto verso il centro del cortile ne è invece totalmente privo. Quando le attività lavorative nella Tomba di Harwa furono interrotte, la decorazione dei pilastri era ancora in corso di esecuzione, come è dimostrato dal fatto che, su qualche lato, le figure dipinte a inchiostro rosso sono, in alcuni casi, parzialmente incise.
Le scene sul lato occidentale del terzo pilastro a partire dall’entrata sono di estremo interesse per capire il modo in cui i lavori stavano procedendo quando furono interrotti. La decorazione conservatasi mostra infatti una scena in cui alcuni personaggi sono impegnati nella raccolta di un siero da un albero. Le immagini degli uomini sono in un avanzato stato di esecuzione, mentre quelle dei rami sono soltanto dipinte
(Fig. 1). Questo significa che vi erano alcuni artisti specializzati nell’esecuzione delle figure umane e altri in quella delle piante e che, perciò, le maestranze attive nella Tomba di Harwa possedevano un alto grado di specializzazione che permetteva di ridurre considerevolmente i tempi di lavoro.

>
 


INDICE

INTRODUZIONE

RINGRAZIAMENTI

ATTIVITA' EPIGRAFICHE: LA PRIMA SALA IPOSTILA

SCAVI: IL PORTICO D'ENTRATA (PRIMAVERA)

SCAVI: IL CORTILE (AUTUNNO)

RAPPORTO SULLO STUDIO DELLA CERAMICA (AUTUNNO

 

   

< Capitolo precedente

Capitolo successivo >